Translate

Maurizio da Torino

Caro Oscar,
mamma mia! Quante villanie ricevi! Scopro che molta gente, a cui invii la tua "lettera", la pensa come me, ma non TOLLERA chi, come te, la pensa diversamente. Confesso che anch'io mi ero stupito per il tuo atteggiamento verso Fini. Non ho commentato perché ritengo che, votando fra due anni, fra tre anni del sig. Tulliani non si ricorderà più nessuno. Ricordi Cofferati? Deus ex Machina della CGIL, che faceva ballare l'Italia e poi sindaco di Bologna e poi, e poi . . . sparito. Sarà la stessa cosa. Come ti avevo pronosticato, qui a Torino ha vinto Fassino, persona per bene ma che odora di rottame delle Frattocchie. Spero sia all'altezza del suo predecessore anche lui PD ma non Frattocchie. Speriamo in bene. I torinesi hanno spalle larghe. Si abitueranno ad avere un Sindaco attaccapanni. Il problema che non riesco a far capire é che continuo a coltivare ho la folle pretesa che, per chiunque io abbia votato, una volta leader della maggioranza, abbia la possibilità di governare, senza essere perseguitato con avvisi di reato, magari da parte di PM fantasiosi e dichiaratamente suoi avversari politici, rinviato a giudizio da GIP, appartenenti alla stessa casta e poi costretto a difendersi in Tribunale, venendo poi magari assolto da altri membri della casta medesima. E' già successo, sai? In questo caso, però, l'opposizione potrà urlare che si deve dimettere perché se si deve difendere in tribunale, vivendo le relative angosce, non ha né tempo né lo spirito per governare bene. Ti rendi conto che così qualunque leader, sia di destra, sia di centro che di sinistra sarà perennemente preda possibile di PM che non voglio definire? Sin che non avranno separato la Pubblica Accusa dai Giudici in tutti i sensi, sin che non ritorneranno alla norma costituzionale che ripristina la salvaguardia da certa magistratura, sciaguratamente abrogata durante tangentopoli, la mia opinione non avrà modo di cambiare. Scommetto che pensi che io voglia le leggi "ad personam" . Chissà? Può anche essere. Non ti offendere per quelli che ti danno del coglione. Almeno dichiarano che tu li hai e con i tempi che corriamo in Italia non é cosa da poco.
Molti cordiali saluti

Maurizio.