Translate

Monti a Washington, una scia di successi


Credit Suisse privilegia le banche italiane a dispetto delle francesi. Lo spread giù a 450-470 punti

di Guido Colomba

(The Financial Review) Con l'operazione "Twist" la Fed ha assorbito titoli di stato a lunga scadenza per un controvalore pari al 91% delle emissioni totali del Tesoro Usa. Anche la Bank of England si accinge ad assorbire almeno 50 miliardi di sterline di Titoli di Stato britannici. In questo contesto di "quantitative easing" anche il presidente del consiglio italiano Mario Monti, ha sollecitato le banche a sottoscrivere in modo più coraggioso i titoli di stato italiani visto che dalla Bce hanno ottenuto il 21 dicembre 489 miliardi di euro (di cui 115 miliardi alle banche italiane) ed altri "collateral" sono disponibili con la riduzione della riserva obbligatoria dal 2% all'uno per cento avvenuta a gennaio. Ciò spiega come in pochi giorni lo spread tra i BTP e i Bund tedeschi è diminuito di circa 200 punti portandosi in area 450-470 basis points(il differenziale con la Spagna è di soli 30 punti). Oggi Monti incontra il presidente Usa a Washington in un clima di sintonia e di caloroso apprezzamento. Un evento che non si ricordava da moltissimi anni. Certamente, restano sul tappeto molti problemi in tema di crisi finanziaria globale. Ma la percezione dei mercati è cambiata tanto da portare ottimismo nelle Borse per il secondo mese consecutivo. Valga per tutti l'esempio del colosso bancario elvetico, Credit Suisse, che raccomanda apertamente l'acquisto ("sovra pesare") delle banche italiane a dispetto delle francesi perché l'Italia ha un debito complessivo (pubblico e privato) inferiore, insieme ad un minor deficit pubblico ed una economia più aperta tanto da collocarsi come secondo maggior paese manifatturiero dopo la Germania ed un export che nel 2011 ha registrato un incremento maggiore delle stesse industrie tedesche. Credit Suisse nel suo report ricorda che il governo Monti ha già approvato un efficace sistema pensionistico e che i finanziamenti ottenuti dalla Bce consentiranno alle banche italiane di ottenere un incremento degli utili pari al 7% nel 2012 contro una previsione di media europea del 2,3%. Un dato è certo. Il Governo Monti sta riconquistando la fiducia dei mercati esteri a tal punto che il presidente del parlamento europeo Shultz ha così commentato: "Per la prima volta l'Italia ha un Governo che prende decisioni e le attua". Questa volta la "moral suasion" è stata portata avanti dall'Italia. Draghi, festeggiato per i successi ottenuti nei suoi primi cento giorni alla presidenza della Bce, ha rimproverato l'Eba per aver condotto gli stress test nel momento sbagliato tanto da creare effetti negativi. A sua volta Monti ha reso evidente al mondo che l'euro è in grado di superare la crisi e che solo le gravi e ripetute incertezze di Sarkozy-Merkel hanno creato un inutile panico nei mercati finanziari. Sia Draghi che Monti hanno sempre fatto sapere che l'Italia è in grado da sola di superare i problemi sul tappeto: "Non abbiamo chiesto alcun aiuto alla Germania; ma vogliamo pagare i tassi di interesse giusti senza penalizzare ingiustamente la nostra economia". Il ministro del Tesoro Usa, Geithner, intervenuto più volte presso il cancelliere tedesco, è il più autorevole testimone di questa situazione. Oggi i rapporti eccellenti tra Italia ed Usa riflettono la coerenza dell'azione svolta negli ultimi tre mesi.

(Guido Colomba)
____________________________________________

CARO OSCAR,

BUONGIORNO, TI RINGRAZIO FINALMENTE UN PO' DI OTTIMISMO, SAPERE CHE ABBIAMO UN PRIMO MINISTRO ACCETTATO E RISPETTATO E NON DERISO E' DI CONFORTO. SPERIAMO CHE RIESCA NEL SUO INTENTO DI METTERE OGNI COSA AL SUO POSTO.

UN GRAZIE

LUIGI CHIOCCA