Translate

Non fare rumore perche' il contollore di volo sta riposando.

Randy Rabbitt e' il capo della Federal Aviation Administration, l'ente da cui dipende la gestione e il controllo dei cinquecentomila voli che ogni giorno si alzano sopra gli Stati Uniti. In una dicharazione diffusa alla stampa ha annunciato di avere sospeso il supervisor dei controllori di volo del Reagan Airport in Washington.
La ragione di questa repentina decisione sta nel fatto che due aerei (American Airlines Flight 1900 e United Airways)il 23 marzo sono dovuti atterrare al Reagan Airport privi dell'assistenza radar della torre di controllo. E si trattava di voli compiuti con condizioni atmosferiche molto incerte.
Questo aeroporto e' considerato uno dei piu' difficili per i piloti a livello mondiale in quanto segue le anse del fiume Potomac ed ha una frequenza di arrivi di 28 secondi tra un un aereo e l'altro.
La ragione della mancata assistenza dei controllori di volto sembra essere in relazione al fatto che il supervisore, unico presente nella torre di controllo, stava schiacciando un sonnellino.Si parla di affaticamento al quale sono sottoposti i controllori di volo. Ma si sono verificati anche in altri aerporti casi di controllori tossicodipendenti.
Prima di essere rinominato Reagan l'aeroporto della Capitale che serve anche voli da costa a costa e internazionali sul continente, si chiamava National Washington Airport.
Nel 1952 i controllori di volo identificarono 15 UFO sopra il cielo della Capitale.
Il 13 gennaio del 1982 il volo 90 della Air Florida in partenza da questo aeroporto con destinazione Fort Lauderdale precipito' nel Potomac ghiacciato dopo avere colpito il ponte sulla 14. Nell'incidente, sembra dovuto all'errore del pilota che non aveva azionato l'impianto di decongelamento, morirono 78 persone tra cui alcuni automobilisti che si trovavano a passare sul ponte.Quattro passeggeri dell'aereo furono tratti in salvo dalle acque ghiacciate del Potomac.
Mezz'ora dopo l'incidente aereo un treno della metropolitana di Washington, anche in questo caso per un errore umano, usciva dai binari e si ribaltava contro un pilone di cemento uccidendo quattro persone e ferendone 25.