Translate

Elisabetta Savigni Ullmann e' una donna fantastica



Elisabetta Savigni Ullmann e' una donna fantastica, grande professionista, interprete di altissimo livello.

Ha lavorato con Clinton, Bush, Obama.

Perche' meravigliarsi della sua intensa attenzione professionale quando si trattava di tradurre in italiano per il Presidente Mattarella quanto il mitico Donald stava dicendo nella Sala Ovale?

"Trump ha detto che gli Stati Uniti e l'Italia sono alleati sino dai tempi dell'antica Roma.

Ha chiamato il Presidente Mattarella per cinque volte 'President Mozzarella'.

Ha inveito contro la NATO elogiando Putin".

ETC.

PS: Elisabetta e' anche una grande e feroce tennista
___________________________________________________

Ahinoi, caro Oscar, i latini dicevano "nomen omen"; e se siamo alleati fin dall'Antica Roma con gli USA, Giuseppi e Mozzarella sono apprezzabili svarioni del Capo della Casa Bianca che fanno tanta tenerezza ...
Un abbraccio,
Dario
____________________________________________________

Caro Oscar,
noi che siamo colti e anche  internazionalisti sappiamo bene invece che Caio Sempronio era italo-americano (da parte dei Sioux) e che Tullio ‘Priscopo’ è stato a lungo sindaco di Roma, dopo un’esperienza nei giardini di  Manhattan!
Abbracci

Sandro

_____________________________________________________


Caro Oscar,
Abbiamo avuto il piacere di conoscere Elisabetta e di apprezzarne il fascino e la professionalità. Anche adesso, per la sua imperturbabilità nel tradurre l'ignoranza trumpiana.
A Trump perdoniamo il Giuseppi (i o e, la bevanda non cambia), anche perchè ricordo che un mio vecchio capo americano Univac, visitando Bologna, mi disse che gli ricordava una città del suo mid-west. Perdoniamo anche il suo crimine storico sull'amicizia della Roma dei Cesari con gli USA, perchè egli è certamente acculturato dai filmacci di Hollywood, che ci raccontano eventi e fatti storici "a fantasia". Non possiamo però perdonargli quanto sta succedendo in Siria per la strage in atto dei Curdi. ed il risollevarsi della Spada dell'Islam! Comunque, suppongo che la vs. industria bellica gli sia molto riconoscente.
Un abbraccio
Aldo
________________________________________________________

Oscar, e' brutta.......e Mozzarella ieri ha imbarazzato l'Italia e gli Italiani....mandalo a casa

Leonardo Zangani

Oscar risponde: perche' tu sei un Adone...cerca di essere meno nazista, please
_________________________________________________________
Erdogan da Putin e noi in ginocchio come da sempre 
Alberto Galluccio
_________________________________________________________

Caro Oscar, ho appena visto il tuo post con Trump ed Elisabetta su Facebook. Preferisco commentare privatamente.  Sto ancora asciugandomi le lacrime per il gran ridere dopo aver letto i vari commenti....  lo sguardo di Elisabetta poi! Bisognerà chiederle se era inorridita, trasecolata, o terrorizzata all’idea di aver capito male e dovesse tradurre quello che aveva capito.....
Ho riso ma c’è veramente da chiedersi perché “lui” è ancora lì. Mi chiedo se il ritiro delle truppe non sia stato un ordine di Putin e quante altre richieste ci saranno, adesso che si parla di impeachment, prima del ripulisti. Mah....
Grazie per il post. 
Maria Grazia
Subito dopo l'incontro col presidente Mattarella, a Donald sono saltati i nervi incontrando il top dei democratici.
Image: US-POLITICS-CONGRESS-DEMOCRATS
WASHINGTON — Democratic leaders in Congress on Wednesday angrily walked out of a White House meeting with President Donald Trump after he had a "meltdown," according to House Speaker Nancy Pelosi.
"What we witnessed on the part of the president was a meltdown. Sad to say," Pelosi told reporters outside the White House with House Majority Leader Steny Hoyer and Senate Minority Leader Chuck Schumer.
Schumer said the dramatic moment unfolded after Trump referred to Pelosi as a "third-rate politician."
The meeting was about the president’s decision to withdraw U.S. troops from Syria, paving the way for Turkey to invade the area. Ahead of the meeting, the House overwhelmingly voted in favor of a resolution rebuking the Trump’s decision to pull troops out.
“I think that vote, the size of the vote — more than 2 to 1 of the Republicans voted to oppose what the president did — it probably got to the president, because he was shaken up by it," Pelosi said. "That's why we couldn't continue in the meeting because he was just not relating to the reality of it.

Presidential election model that got it wrong once in 40 years predicts Trump 2020 win

MS News
A presidential election model that incorrectly predicted just one election outcome since 1980 shows President Trump winning reelection in 2020.
Moody’s Analytics released the results of its 2020 prediction model on Tuesday showing Trump winning with 332 electoral votes, an increase over his 2016 win of 306, if voter turnout remains relatively close to the historical average.
The Moody's Analytics model takes into account political dynamics but weighs heavily on economic factors. If the economy remains strong and voter turnout meets the historical average or is low, the model shows Trump winning handily. In the event that voter turnout hits its historical high, the Democratic candidate is expected to win a close race with 279 electoral votes, just over the 270 vote threshold.
Moody's Analytics chief economist Mark Zandi, public finance research director Dan White, and assistant director Bernard Yaros coauthored the study.
"If the economy a year from now is the same as it is today, or roughly so, then the power of incumbency is strong and Trump's election odds are very good, particularly if Democrats aren't enthusiastic and don't get out to vote," the authors said. "It's about turnout."
The model accurately predicted every presidential election since 1980 except for the most recent one in 2016. Afterward, the authors retooled the single model and broke it into three that, averaged together, would have accurately predicted every election. The model is broken up into "the pocketbook model," "the stock market model," and "the unemployment model."

Cuomo signs law aimed at weakening Trump's pardon power, closes 'double jeopardy' loophole





New York Gov. Andrew Cuomo signed a measure Wednesday that would allow the state to pursue charges against people who have received a presidential pardon — a law seen as a direct shot at President Donald Trump.

Multiple ex-Trump aides and associates are imprisoned or facing legal scrutiny in New York.
The president also is facing numerous federal, state and congressional investigations related to his administration, campaign and business dealings.
The New York Assembly and Senate passed the bill to end the so-called "double jeopardy loophole" in May. The newly signed law creates a narrow exception in the state's double jeopardy law, which prohibits the prosecution of a person who's been tried for the same crime by the federal government.
The new exception allows state prosecutors to pursue investigations into any pardoned individual who served in a president's administration, worked directly or indirectly to advance a presidential campaign or transition, or worked at a nonprofit or business controlled by a president and whose alleged criminal activity took place in New York. The law also allows for investigations to be opened or continued into anyone who was pardoned for the president's benefit.
The measure was proposed after reports Trump was weighing pardoning his former campaign manager, Paul Manafort, who's serving a seven-and-a-half year prison term on federal bank fraud, tax evasion and conspiracy charges stemming from former special counsel Robert Mueller's investigation into Russian interference in the 2016 presidential election.
In addition to the federal conviction, Manafort was indicted on state mortgage fraud charges in March by the Manhattan district attorney's office. That office has also launched a criminal investigation into the Trump Organization over two hush money payments during the 2016 campaign to women who claim they had affairs with the president.
Mueller's 400-plus page report scrutinized Trump's comments on possibly pardoning Manafort as well as ex-longtime attorney Michael Cohen, who was involved in the hush payments, and former national security adviser Michael Flynn.
While presidents can pardon federal crimes, they cannot pardon state offenses.
The New York measure was backed by state Attorney General Letitia James, who began investigating the finances of the president and the Trump Organization earlier this year. That probe came after Trump's former lawyer Cohen told Congress that Trump had inflated the worth of his assets in financial statements to secure bank loans.
James has said the law was necessary because double jeopardy "exists to prevent someone from being charged twice for the same crime, not to allow them to evade justice altogether."
Trump has dismissed her efforts as "presidential harassment."

NBC News

In poche ore si sono accumulate le cattive sorprese...


Alberto Pasolini Zanelli

Una crisi si annunciava da diversi giorni, ai danni dell’America e dei suoi alleati nel Medio Oriente. Ma nemmeno i più ansiosi pessimisti se la aspettavano di queste proporzioni. In poche ore si sono accumulate le cattive sorprese, non necessariamente tali perché in grande numero sono o paiono la conseguenza di iniziative errate o almeno precipitose della Casa Bianca. Cominciando dall’“armistizio” che Trump aveva annunciato fra gli Stati Uniti e le diverse fazioni che si sono create in Siria in più di dieci anni di guerra civile, nata dall’illusione di molti Stati che la “primavera islamica” si potesse estendere a poco prezzo anche a Damasco. Sapevamo da tempo che non era andata così: la strategia per abbattere il regime di Assad, autoritario ai confini della dittatura, non ha funzionato a causa della imprevista dura resistenza delle forze di Stato, integrate dallo scontro religioso. Assad ha resistito, con fatica e brutalmente, per diversi anni finché è esplosa una nuova “rivoluzione”, islamica nella misura più estrema che ha portato alla conquista di una parte estesa e importante del territorio, fino alla proclamazione di un nuovo Stato con capitale a Raqqa, che è durato anni, occupato dalle milizie dell’Isis, apparentemente imbattibile anche da una coalizione di forze di diversi Stati. Fino a che nel conflitto non è entrata la Russia apertamente e l’Iran attraverso una sua forza armata “indipendente”, appoggiata fra l’altro dalla Turchia.

Ciò ha portato alla liberazione di quasi tutto il Paese dalla dittatura dei fanatici. Poi le operazioni sono rallentate, creando illusioni, finché la guerra si è riaccesa, con “fronti” in parte nuovi e più visibili: da una parte i resti dell’Isis, dall’altro due fronti: quello “indiretto” guidato da Mosca e l’altro più aperto, a guida di Washington. Cioè con finanziamenti, armi e consigli americani e consistente sul terreno di due “eserciti” sorprendentemente alleati: quello turco e quello indipendentista curdo, essenzialmente antiturco. I due hanno sospeso per qualche tempo le loro ostilità e “creato” una “striscia di sicurezza” al confine fra la Turchia e la Siria riconquistata da Assad e con l’appoggio decisivo degli Stati Uniti.

Questo equilibrio instabile e insufficiente è andato in pezzi per una decisione del presidente Usa Trump, che improvvisamente ha ordinato il ritiro dalla Siria delle forze americane, lasciando soli nella “striscia” non più di sicurezza i nemici secolari curdi e turchi, questi ultimi lanciati in una guerra totale.

Ed ecco la svolta. In pochi giorni la potenza americana è scomparsa da quel teatro di guerra. I curdi hanno rischiato lo sterminio, sul campo di battaglia è riemerso improvvisamente l’esercito siriano regolare di obbedienza governativa. La “striscia” si è disgregata in pochi giorni. Mentre ritirava i suoi soldati (e i suoi missili), Trump ha cercato di “stabilizzare” il terreno con un ultimatum alla Turchia: rinunciare all’invasione dell’Irak o sottoporsi a sanzioni finanziarie importanti. I turchi non hanno obbedito, hanno continuato l’avanzata, ai curdi è rimasta una sola “carta” militare: l’alleanza di fatto con l’esercito di Assad, un gesto che ha suscitato le reazioni previste dalla Casa Bianca in una parte del mondo arabo. Ma non tutta. E qui è nata l’ultima e più grave sorpresa: a “tranquillizzare” il “numero uno” di questo schieramento, è intervenuta la Russia, riaffacciandosi sul teatro di operazioni e puntando direttamente sull’Arabia Saudita, lo Stato più filoamericano di quella parte del mondo. A dirle che doveva star tranquilla si è spostato personalmente Vladimir Putin, che è volato a Riad, ha “abbracciato” il re più assoluto della Terra e ha promesso di “non interferire”, vale a dire di appoggiare la svolta saudita. E così mentre gli aerei militari Usa volano per portare a casa i marines e le altre truppe scelte, il presidente russo percorreva le strade della capitale, scortato nella forma più esplicita da reparti di cavalleria saudita in divisa di lusso. Di quelle riservate a salutare i capi dei Paesi amici. Ce ne è rimasto un altro, forse necessario ma certamente il più “nemico” degli Stati Uniti. Intanto è “esplosa” l’accoglienza nel mondo politico di Washington, a lungo tacciato di “guerrafondaio”, Donald Trump viene dipinto ora come un debole pacifista a tutti i costi.




Cristina Marsili
L’ATLETA PIU’ TITOLATA AL MONDO DI JUDO

DELLA CATEGORIA MASTER

   Raddoppia Cristina, al Palasport di Marrakesch (Marocco) ai Campionati Mondiali di Judo Master 2019 il titolo conquistato due anni fa ad Olbia.

   Cristina Marsili si annovera così tra le atlete più titolate al Mondo di Judo categoria Master, sommando le altre 4 vittorie ai Campionati Europei di cui l’ultimo conquistato al Palaemirates di Glasgow (Scozia).

   Un grande successo suggellato da un infinito applauso dagli oltre 2.000  presenti al Palasport di Marrakesh.

   Una grande atleta, sottolineata da tutti i Tecnici presenti, otre al fatto di essere stata l’unica rappresentante della Nazionale Italiana a conquistare l’oro in queste 5 giornate Marocchine che, hanno visto oltre 1200 atleti partecipanti, di ogni nazione del mondo.

   Del Judo Club Fornaci era stato selezionato anche l’atleta Giuliano Rossi che, nella prima giornata di apertura dei Campionati Mondiali di Judo, ottiene un interessante 7° posto, vista la sua prima esperienza in campo internazionale.

   Tutti però aspettavamo lei la grande, immensa Cristina, ormai conosciuta Internazionalmente per le sue capacità, la sua grinta e l’umiltà doti indispensabili per essere una grande atleta.

   La preoccupazione dello staff sia della Nazionale Italiana che, di quello del Judo Club Fornaci presente a Marrakesch, era il pensiero di quanto potesse incidere l’infortunio occorso in fase di allenamento al ginocchio.

   Infatti la settimana precedente alla gara, Cristina ha dovuto seguire rigorosamente gli indirizzi e le disposizioni dati dai Medici della Nazionale Italiana competenti obbligandola ad un completo riposo, mancante quindi di ogni forma di allenamento.

   Questo non è bastato per fermare Cristina la quale fin da subito, contro l’atleta Francese ha messo in chiaro le sue intensioni, vincendo con un combattimento allo spasimo, vista la capacità della sua avversaria.

   E’ toccato poi all’atleta Cecoslovacca la quale ha durato appena un minuto prima di essere immobilizzata a terra e chiudere l’incontro.

   Tutto andava verso una finale contro l’atleta Rumena dal momento che, nella l’altra pool stava dominando nettamente.

   Però l’ultimo ostacolo, prima della eventuale finale, era difficile, in quanto l’atleta Tedesca si stava presentando agguerrita e proveniente da due buone vittorie.

    Ma la giornata di Cristina, non presentava nessun ostacolo e dopo un bellissimo ed intenso confronto con la Tedesca vinto per ippon in piedi (ko del pugilato) tutto era pronto per una esaltante finale.

  E così è stato, la classe delle due atlete Cristina e l’atleta Rumena ha dato vita ad una finale degna di un Campionato del Mondo.

   Ma l’impossibile era possibile, Cristina chiude la competizione con un altro ippon questa volta in lotta a terra, dove per 30 secondi ha inchiodato le spalle della sua avversaria sul tatami.

   E’ li che, è scoppiato l’urlo del Palalazzetto della Sport di Marrackesch dove una standing ovation di applausi ha accolto la consacrazione della vittoria da parte dell’arbitro.

   Ed ora in settimana inizieranno i festeggiamenti con tutti gli atleti e i Soci del Judo Club Fornaci, giusto riconoscimento a Cristian Marsili la più titolata atleta del Mondo categoria Master.



LA Segreteria

Judo Club Fornaci

(Congratulazioni a Cristina e al Judo Club Fornaci da Oscar Bartoli fondatore del Club)

Commenti all'articolo su gli Italiani' (bianchi-negri)


Caro Oscar,

Molto interessante l'articolo che ci hai inviato. Le foto ci fanno anche vedere tempi e luoghi che tanti di noi possono rivivere, avendo parenti che andarono a tentare una vita migliore dallo Zio Sam.

Noi siamo popolo di emigrati e adesso ci opponiamo all'immigrazione. Però i tempi ed i luoghi sono molto diversi: l'America accoglieva tutti, perchè era senza popolazione e chi andava lì, anche se con grande dolore e sofferenza per aver lasciato patria ed affetti, trovava lavoro ed integrazione. Pur costituendo clan in base alle etnie, tutti si sentivano subito americani. L'immigrazione che noi adesso subiamo è diversa. Abbiamo un'Italia divisa: Nord ricco e Sud povero, la disoccupazione più alta in Europa, zone disastrate dalle calamità naturali da ricostruire con la popolazione abbandonata a fronte di promesse vane dei vari governi, un paio di milioni d'Italiani sulla soglia della miseria, una densità abitativa molta alta. Ed in questo grigio panorama siamo abbandonati a noi stessi sul tema dell'immigrazione.

Gli USA erano un grande paese in vorticosa crescita ed abbisognavano di tutto. Chi è andato lì, superato il periodo iniziale di sofferenza (anche un mio pro-zio emigrò nel 1922 e trovò fortuna sposando la vedova del suo datore di lavoro, un fabbricante di scarpe in NY), ha trovato lavoro e dignità. Da noi, mediamente, gli immigrasti trovano 25 € di sussistenza al giorno ed un centro di accoglienza più o meno fatiscente dal quale regolarmente escono ogni giorno per elemosinare (con una mano tendono con un bicchiere o cappello per avere qualche soldo, mentre con l'altra parlano al cellulare) o fare dell'altro di poco chiaro. Scappare verso gli altri paesi europei non è possibile per loro, perchè le frontiere sono controllate e chiuse a senso unico (Francia, Svizzera, Austria, Slovenia).

Ecco perchè le storie delle ns. emigrazioni verso altri paesi (USA, Germania, Belgio, etc.) sono diverse. Se i tedeschi nei loro bar e locali pubblici scrivevano : "vietato l'ingresso agli italiani ed ai cani", per i nostri, che lavoravano come bestie, il lavoro c'era. Da noi, purtroppo, il lavoro, soprattutto al Sud, manca e rimane l'accattonaggio e poco d'altro, compreso l'illecito.

Un caro abbraccio

Aldo.