Translate

" Non sono un dottore, ma ho buon senso e lo sento dentro"


Donald Trump wearing a suit and tie: Trump promotes use of drug for coronavirus: 'I'm not a doctor. But I have common sense'

" Non sono un dottore, ma ho buon senso e lo sento dentro", Cosi' il presidente della piu' importante nazione del 'globoterraqueo' si e' espresso allontanando dal microfono il Dottor Anthony Fauci che stava per dire che non ci sono ancora sufficienti testimonianze scientifiche per affermare che una medicina antimalaria, hydroxychloroquine, puo' essere l'arma per compabattere il Corona Virus.

E' allarmante che una nazione come gli USA sia nelle mani di un individuo che crede di potere decidere saltando l'opinione negativa dei suoi scienziati sulla base di sensazioni secondo cui un medicamento puo' risolvere i problemi generati dal virus pandemico.

Questa faciloneria, motivata da ragioni elettorali per cercare di recuperare immagine tra gli elettori in vista delle presidenziali del 3 novembre, fa capire come il destino della nazione piu' potente del mondo sia alla merce' dei rigurgiti psichici di una persona che chiaramente mostra di essere affetta da una pericolosa manifestazione di narcisismo senza controllo. Trump e' colui che ha il potere di innescare un conflitto nucleare.

Come informa il New York Times una coppia che ha seguito la performace televisiva di Trump ha ingurgitato un prodotto similare come nome e ci ha rimesso la buccia.
__________________________________________________

Trump promotes use of drug for coronavirus: 'I'm not a doctor. But I have common sense'

Brett Samuels  (Time Hill)

President Trump on Sunday forcefully touted the use of hydroxychloroquine as a potential means to combat or even prevent the onset of symptoms from coronavirus, wading further into a medical debate that has put him at odds with some of his top health experts. © The Hill Trump promotes use of drug for coronavirus: 'I'm not a doctor. But I have common sense'

Trump said the government has stockpiled 29 million pills of the drug, which is also used to treat lupus. For a second consecutive day, he suggested even those without symptoms of coronavirus might consider taking the drug despite limited evidence about its efficacy in treating the virus.


"I just think it's something - you know the expression I've used it for certain reasons - what do you have to lose?" he said. "I'm not looking at it one way or another. But we want to get out of this. If it does work, it would be a shame if we didn't do it early."

"What do I know, I'm not a doctor," he added. "But I have common sense."

The president has for days opined on the potential efficacy of hydroxychloroquine when taken with azithromycin.

But Sunday's comments marked the farthest he has veered into playing armchair doctor. He acknowledged the drug may not work, but suggested there was no time to wait and let clinical trials play out.

"I want people to live, and I'm seeing people dying," he said. "And you know the expression when that's happening. You should do it. What really do we have to lose?"



Two months in, Trump's coronavirus response creates more chaos

Analysis: Amid America's biggest crisis in generations, the president's actions have often complicated problems rather than resolved them.

April 5, 2020, 8:45 AM CDT
By Jonathan Allen (NBC NEWS)

WASHINGTON — More than two months into what President Donald Trump calls a "war" against COVID-19, his administration's efforts to combat the deadly disease, along with its disastrous effects on the U.S. economy, are often creating more problems than they solve.

Bidding wars for life-saving equipment, a power struggle between Trump's son-in-law and the vice president, political gamesmanship, the centralization of authority and decentralization of accountability, and the creation of new government programs while standing bureaucracies are ignored, have all contributed to chaos within the political, economic and health care systems.

Banks haven't been able to process loan applications for a new Small Business Administration relief program, companies trying to produce personal protective equipment for medical professionals can't get the Federal Emergency Management Administration's attention, and doctors and ventilators at ambulatory surgery centers idled by a soft moratorium on elective operations are on the sidelines.

Those problems are minor compared to the crunch of rising coronavirus cases, the scarcity of ventilators and the possibility that trillions of dollars in aid won't be enough — or well-directed enough — to prevent a catastrophic economic collapse.

It all adds up to a sense that no one is really in charge in the midst of the most daunting crisis the nation has faced in generations.

"This country is re-learning what it understood during the Cold War — we don't elect presidents for the good days, we elect them to handle the bad days," said Rep. Eric Swalwell, D-Calif. "Donald Trump is incapable of handling a bad day, let alone a protracted pandemic."

The composite sketch drawn from interviews NBC conducted in recent days with more than a dozen individuals involved in various aspects of the crisis reveals a fight for mortal and economic survival in which men and women, states and cities, and hospitals and businesses of all kinds have been left without sufficient support. The absence of national leadership comes even at a time when Congress and the Federal Reserve are pumping cash into the system and many businesses who want to provide assistance have found they can't connect with federal agencies.

Many of those interviewed for this article spoke on the condition of anonymity to avoid angering the president, or because they weren't authorized by their employers to talk publicly, and some only provided details on small pieces of the puzzle. Their slices of the world represent Democratic and Republican politics, federal, state and local governments, large and small businesses, the health care system and various parts of supply chains that have been broken or bent under the weight of tremendous financial strain and wildly variant demand for an array of goods and services.

Some praised aspects of the president's efforts, including cracking down on hoarding and price-gouging, encouraging Americans to stay at home to prevent the spread of the disease, and using some of his hard and soft power to procure medical equipment from private companies.

But taken together, their stories reveal that poor preparation for the pandemic has been compounded both by policies that have been implemented and by the Trump administration's inability to coordinate the distribution of health care assets — equipment like ventilators, masks and gloves, and trained medical personnel — and the effort to backstop an economy suddenly thrust into reverse.

More than three years into his tenure, Trump has blamed his predecessor, Barack Obama, for a barren national stockpile of needed medical equipment and at the same time said that the federal government should not be relied upon as a supplier.

"The states should have been building their stockpiles," he said at a White House press briefing this week. "We’re a backup. We’re not an ordering clerk."

He also invited his son-in-law, Jared Kushner, to speak about the response for the first time, acknowledging the prominent behind-the-scenes role Kushner has taken in recent days on a task force that had been the domain of Vice President Mike Pence.

"I've been serving really at the direction of the vice president and he's asked me to get involved in different projects," Kushner said in response to a question about reports that he is running a "shadow" task force parallel to Pence's effort.

The biggest issue on the front lines of the coronavirus fight is scarcity. On its own, that's not a problem of Trump's making, but it has been exacerbated by his insistence that states and cities compete with the federal government and private-sector buyers, including deeper-pocketed hospitals, for test kits, ventilators, masks, gowns and other items.

The truth is, there's not much equipment out there to be had. Much of the personal protective gear used in the United States is manufactured in China, where the coronavirus devastated production months ago.

On top of that, rising demand and the waiver of some federal rules for protective gear has inspired the development of a very hot "gray market" for the goods. That market means less quality control, buyers who are often unfamiliar with sellers or brokers as they are inundated with solicitations, prices that have skyrocketed, and orders that are frequently canceled at the last minute, according to several people involved in bidding for the equipment.

That can mean losses in terms of the opportunity cost of bidding teams' time, money thrown away or, even worse, the risk of outfitting emergency medical personnel with substandard equipment.

"The demand curve is far exceeding the supply curve ... which is resulting in unvetted and uncertified suppliers entering the marketplace," said Chaun Powell, vice president for strategic supplier engagement at the health care consulting firm Premier.

Of course, any president would have been challenged by the enormity of this crisis, and Trump has found ways to show glimmers of creativity with the resources available to him.

For example, the federal government is now underwriting the cost of flying personal protective equipment in from overseas to deliver them to private buyers in exchange for the right to identify which counties get 50 percent of the materials first, a Federal Emergency Management Agency spokesman said in an email exchange about the "Project Airbridge" program.

If he chose to, Trump could invoke the Defense Production Act to take and allocate 100 percent.

Facing pressure, he issued an order Friday designed to get 3M, the Minnesota-based manufacturer of the N-95 face mask, to ship protective gear made in foreign countries to the U.S. and stop sending U.S.-made goods to other countries. The order states that when it comes to equipment needed in the COVID-19 fight, "it is the policy of the United States to prevent domestic brokers, distributors, and other intermediaries from diverting such material overseas."

Often, the president chooses to highlight how he has convinced personal friends, political allies or people with business before the federal government to pitch in. On March 30, he held a Rose Garden news conference in which several CEOs spoke about their efforts to provide tranches of personal protective equipment. One of them, MyPillow founder Mike Lindell, has donated more than $200,000 to Trump's campaigns and affiliated committees.

Another CEO, Greg Hayes of United Technologies Corporation, announced the donation of 1.1 million pieces of personal protective equipment to FEMA, some of which was originally designated the previous week. UTC's long-pending merger with the defense contractor Raytheon had been approved by Trump's Justice Department four days before the Rose Garden event.

More often than not, reports from around the country and across sectors of the economy show inefficiency from the federal government at best and incompetence at worst. In some cases, the administration's actions may have had unanticipated downsides.

U.S. Surgeon General Jerome Adams' admonition to limit elective surgeries was the right call but has hammered ambulatory surgery centers, just as stay-at-home guidelines have had a painful effect on health care providers who are not involved in the coronavirus fight more broadly, according to Jim Rechtin, CEO of Envision.

His company, which operates more than 250 ambulatory surgery centers and employs 27,000 clinicians, including 11,000 who work in emergency rooms, has ventilators on hand and doctors who are able to travel to work with coronavirus patients. He's looking for ways to get ventilators to hospitals — despite his concern that they won't be replenished — and clinicians need to be paid.

"It’s a mismatch of supply and demand — part of that is coordination and part of it's the financial support to make it happen," he said, adding that there are "signs that there is early activity in this area but we could use more, faster."

Two people who spoke on the condition of anonymity said that FEMA isn't responding to requests from companies looking to supply goods for the coronavirus fight. The emergency management bureau's regional offices are well-schooled in disaster response, but the White House has basically thrown that organizational structure out the window in favor of centralizing power. Trump has also chosen not to use established logistics chains at other agencies, preferring a task-force model that has yet to wrangle the towering management challenge.

Outside the health system, businesses are closing up shop and laying off workers at a record pace. Ten million people have filed new unemployment claims in the last two weeks alone, and even industries that were expected to hum through the coronavirus crisis are witnessing severe slow-downs. Across the country, big trucks are parked for days on end with nothing to haul, according to multiple sources familiar with the industry.

"The food factories are reducing our shipments," said Dan Eberhart, who owns trucking and oil companies. "They’re doing this because the employees showing up at the factories are shrinking" in number.

Eberhart, who is a major fundraiser for GOP candidates, said Trump needs to get on the ball on the Small Business Administration relief program that has been overwhelmed by applications but unable to get off the ground.

"I have several industrial businesses seeking these SBA loans, and the banks won't even take the applications yet and/or haven't been able to submit them to the SBA," he said in a text message late Saturday night. "If President Trump doesn't speed this up, the U.S. is going to have an economy the size of the Cayman Islands."

Right now, he appears to be having trouble proving he can manage a government bigger than that.
Jonathan Allen

Noi e l’Europa/Il paracadute che non c’è per il crollo dei redditi

Domenica 5 Aprile 2020 di Romano Prodi
Noi e l’Europa/Il paracadute che non c’è per il crollo dei redditi
Domani si sarebbero dovute sospendere le più severe misure di contenimento dell’epidemia da Covid-19 e, proprio domani, i nostri ragazzi avrebbero dovuto fare ritorno a scuola. Ogni allentamento delle misure invece è stato opportunamente rinviato e, altrettanto opportunamente, non si è definita alcuna data in cui questo possa avvenire. Tutte le sere attendiamo infatti una buona novella che ci annunci il crollo dei contagi. Da ormai diversi giorni arriva il messaggio che forse il peggio è passato, ma il calo della pandemia è purtroppo ancora ben lontano da quello sperato.
Un mese fa solo Cina e Italia erano nella tempesta. Adesso ci siamo tutti e le drastiche misure prese dall’Italia, non solo accolte dapprima con diffidenza, ma addirittura oggetto di ironia, sono ora diventate il punto di riferimento per tutti. Questo anche negli Stati Uniti, dove erano ritenute fuori dal mondo e dove ora si assiste a scene ancora più drammatiche di quelle che abbiamo vissuto e stiamo ancora vivendo in Italia

Mentre riguardo ai nostri comportamenti personali si seguono ovunque nel mondo i consigli degli esperti sanitari che, esclusa fino ad ora la Svezia, ci spingono a limitare al massimo i rapporti interpersonali, non vi è invece una parallela convergenza sulle misure da prendere per evitare il collasso dell’economia. 
Per ora ci si limita a correggere, ogni giorno in peggio, le previsioni. Quelle che avevo raccolto e riassunto per i lettori del Messaggero, solo poche settimane fa, non valgono più niente. Mentre l’epidemia si sparge in tutti i continenti (escluso per ora solo l’Antartide) si parla oggi di crescita negativa dell’economia mondiale, di un’improvvisa e inattesa caduta dell’economia americana e di uno scivolamento ancora superiore di quella europea.
Se è inutile fare previsioni di quanto stiamo precipitando, è necessario tuttavia preparare i rimedi per attenuare i danni della caduta.
In economia siamo in una situazione opposta a quella della sanità dove ci siamo trovati di fronte a una causa sconosciuta, ma dove sono stati individuati e dettati comportamenti comuni. In economia invece conosciamo perfettamente l’origine del morbo e possediamo anche una collaudata esperienza nei confronti delle terapie che hanno avuto successo nelle passate crisi, ma non abbiamo alcun accordo sui comportamenti da adottare.
I Cinesi hanno già rimesso in moto le loro industrie ma, essendo grandi esportatori, si trovano bloccati dalla chiusura dei mercati internazionali. Il governo americano sta giustamente pompando potere d’acquisto oltre ogni misura, ma si chiude verso l’esterno e il suo sistema sanitario sembra costruito per peggiorare la situazione. L’Europa, infine, di fronte alla velocità del virus, procede all’andatura di una tartaruga ed ogni paese cammina in direzione diversa. 
Rispetto al quadro emerso dall’ultima inconcludente riunione del Consiglio Europeo, qualche passo in avanti è stato indubbiamente compiuto. Il patto di stabilità è ora diventato flessibile, sono stati riservati 100 miliardi di Euro per alleviare le conseguenze della disoccupazione, è stato reso meno rigido l’uso dei fondi strutturali e la Bce ha allargato il credito disponibile. È chiaro però che, nonostante queste misure, le differenze fra gli Stati che sono entrati indebitati nella crisi e quelli che vi sono entrati con migliori equilibri finanziari non potranno che aumentare.
Nei rapporti diplomatici degli ultimi giorni si sono infatti create le condizioni per cui i ministri delle finanze dell’Ecofin, chiamati martedì prossimo a prendere le misure per combattere la crisi, affineranno le decisioni elencate in precedenza, ma senza il coraggio (perché sostanzialmente senza il mandato) di aprire un nuovo capitolo nella cooperazione europea, anche se la crisi in cui siamo immersi non può essere certo imputata alla colpa di nessuno. Si alleggeriranno alcune delle rigorose “condizionalità” contenute nel Mes (Meccanismo Europeo di Stabilità), ma non in modo tale da togliere la tutela politica nei confronti dei paesi che ottengono credito. Nonostante questi passi in avanti, il nostro paese, entrato nella crisi con maggiore affanno e con un peso debitorio superiore rispetto ai nostri partner, non sarà certo aiutato a recuperare la distanza nei loro confronti.
Olanda e Germania, anche per evitare la frattura fra Nord e Sud, che sarebbe anche per loro di grave pregiudizio, ammorbidiranno i toni e confermeranno gli impegni qui elencati ma, se non si farà un passo in avanti con una maggiore convergenza verso le direzioni sostenute dal nostro governo con la proposta di Bonds creati per alleviare i danni di questa imprevista e incolpevole tragedia, noi dovremo prepararci a gestire un dopo-crisi con un handicap non certamente inferiore a quello presente. 
Su questo avremo modo di riflettere insieme in futuro. Sia però ben chiaro che, rispettando i confini dettati dall’obbligo primario di proteggere la salute degli italiani, dovremo prendere subito tutte le decisioni necessarie ad impedire il crollo del reddito delle nostre famiglie e il fallimento delle nostre imprese: due processi che sono purtroppo già avviati e che procedono con una velocità impressionante. 


US Postal Service could shut down by June, lawmakers warn

Sophie Lewis CBS News
Throughout the coronavirus pandemic, postal workers have been on the front lines, considered "essential workers" who must continue to do their jobs as usual while others stay home. But some lawmakers are warning that without more support, the U.S. Postal Service (USPS) could completely shut down in the next few months, threatening the livelihoods of hundreds of thousands of 

Americans. © Provided by CBS News A U.S.Postal Service worker wears a face mask and gloves while crossing a downtown street amid the coronavirus pandemic on March 24, 2020 in Los Angeles, California.

Last week, Representatives Carolyn B. Maloney, the chair of the Committee on Oversight and Reform, and Gerry Connolly, chair of the Subcommittee on Government Operations, said in a letter to Senate Majority Leader Mitch McConnell that the COVID-19 crisis is threatening the future of mail service in the U.S.

"The Postal Service is in need of urgent help as a direct result of the coronavirus crisis," they said. "Based on a number of briefings and warnings this week about a critical fall-off in mail across the country, it has become clear that the Postal Service will not survive the summer without immediate help from Congress and the White House. Every community in America relies on the Postal Service to deliver vital goods and services, including life-saving medications."

The lawmakers said USPS, which is a quasi-governmental agency that relies on fees rather than taxes, may be forced to shutter as early as June, less than three months from now. They noted that postal workers delivered more than a billion shipments of prescription drugs last year, and ceasing operations during the virus outbreak could have dire consequences for the health of people around the country.

"The Postal Service needs America's help, and we must answer this call," they said.

"These negative effects could be even more dire in rural areas, where millions of Americans are sheltering in place and rely on the Postal Service to deliver essential staples," the lawmakers warned.

Americans are also counting on postal service workers to deliver millions of coronavirus relief checks — a process that won't start until the end of April and isn't scheduled to finish until September. However, it's unclear if it will have the funding needed to do so.

Maloney and Connelly proposed a bill that would provide a $25 billion in emergency funding for the postal service, eliminating its debt with the stipulation that it would prioritize medical deliveries during the crisis. They said the funding would save the jobs of more than 600,000 Americans.

A USPS spokesperson told CBS News on Friday, "The United States Postal Service appreciates the inclusion of limited emergency borrowing authority during this COVID-19 pandemic. However, the Postal Service remains concerned that this measure will be insufficient to enable the Postal Service to withstand the significant downturn in our business that could directly result from the pandemic."

The statement continued, "Under a worst-case scenario, such downturn could result in the Postal Service having insufficient liquidity to continue operations."

According to the spokesperson, USPS has experienced a significant loss in needed revenues during the pandemic and subsequent decline in economic activity, but it continues to work with lawmakers to ensure Americans' access to mail during this time.

However, when President Donald Trump signed into law the $2 trillion coronavirus emergency spending bill, it allowed USPS to borrow just $10 billion from the Treasury Department.

"That is woefully inadequate," said Fredric V. Rolando, president of the National Associated of Letter Carriers, in a plea for more funding in the next round of legislation. "The administration clearly does not understand the importance of the Postal Service, especially now."

Democrats are working to put together a fourth coronavirus spending bill that would give USPS more funding, primarily in order to boost the ability to vote by mail in the upcoming election, House Speaker Nancy Pelosi said.

Post offices have so far remained open throughout the crisis, along with hospitals, pharmacies, supermarkets and other essential businesses. According to a New York Times report, at least 20 postal workers had tested positive for the virus by last Friday — a number that has likely increased given the rate of U.S. diagnoses.

With over 266,000 confirmed positive tests, the U.S. now has the most cases of COVID-19 in the world, contributing to the global total of more than 1 million cases, according to data compiled by Johns Hopkins University. So far, over 6,900 people have died in the U.S. from the virus.

Pandemia come distruttrice non solo di umanità ma anche di istituzioni democratiche.




Siamo nati in un tempo fortunato. Figli della terza generazione di chi la Guerra non l’ha vissuta sulla propria pelle ma l’ha solo sentita raccontare. Siamo l’ultima platea silenziosa di una schiera di nonni, cantori omerici, che ci hanno raccontato una guerra ai nostri occhi impalpabile. L’euforia con cui sono stati vissuti gli anni della ricostruzione, delle conquiste e delle novità, riecheggiano ora nella mia mente come se li stessi vivendo di luce riflessa. Il privilegio dell’aver potuto ascoltare è, oggi più che mai, la nostra più grande ricchezza. Aver appreso sin da bambina il significato e il valore della parola democrazia, è per me un vanto irrinunciabile. Oggi come non mai mi chiedo se l’idea a cui mi sono aggrappata tutta la vita non sia in realtà qualcosa di falso.

Il virus Covid 19, ho ricreato oggi un nuovo ordine, o meglio disordine, mondiale. Le certezze fondanti della cultura Occidentale e Democratica si stanno tuttavia sgretolando sotto gli occhi di potenti, in un certo senso privati della loro autorevolezza. La Pandemia ha portato con sé sensazioni ed emozioni con cui le persone non facevano i conti da tempo. Tuttavia, mi sento un’osservatrice privilegiata: capace di capire che il concetto di uguaglianza legato all’istituzione di uno stato democratico, in realtà forse non esiste. Se da un lato il Coronavirus è democratico e colpisce tutti indistintamente, i trattamenti sanitari non lo sono per niente. Tanto più per un paese come l’Italia che si vanta con il Mondo del suo sistema sanitario di matrice egualitaria. Eppure, sapere di essere positivo al Coronavirus, in assenza di sintomi, rimane privilegio di alcune caste elette. A quanto pare lo status di VIP, calciatore o semplicemente “ricco”, nel nostro Paese conta di più di quanto redatto dai Padri Costituenti.

Ecco come, in un battito di ciglia, oltre settant’anni di belle parole e speranze, svaniscono dietro la realtà dei fatti. La parola democrazia viene spazzata via, annegata da quegli stessi politici che tanto l’avevano decantata. Le istituzioni, prese dalla foga del trovare una soluzione, hanno vacillato e comunicato al mondo la loro instabilità, le loro debolezze, la loro infinita paura, il loro essere umani.

Il mio cinismo di certo non aiuta. Quando intorno a te senti solo sirene di ambulanze e vedi amici e conoscenti portati via, le ingiustizie che un tempo sembravano sopportabili, lo paiono di meno. I tanto citati flash mob sui balconi, rientrano perfettamente nell’ossimoro di un Paese che declama la sua unità mentre, di fatto, trasforma un momento di raccoglimento nel peggio del trash nazionalpopolare. Questo gesto, fatto senza portare rispetto per chi soffre, chi sta morendo, chi lotta per salvare delle vite, è stato uno dei punti più bassi di questa emergenza. Perché possiamo dirlo: non c’è niente da festeggiare.

Ma la Pandemia è anche questo. La guerra è anche questo. I racconti dei nonni ce lo hanno insegnato. Le situazioni di difficoltà fanno emergere i lati più oscuri delle persone e la mera volontà di sopravvivenza. La speranza a cui però bisogna aggrapparsi è proprio quella della rinascita. I più grandi risultati in materia di regolamentazione, i successi che hanno ispirato i più ampi modelli democratici e le più alte vette in fatto di scoperte scientifiche e creative, sono nati dopo i periodi di crisi più buia. Dopo il Chaos, inevitabilmente, arriva il Cosmos: l’ordine.

La considerazione che ripongo nella forza della mente umana è molta. Le persone, indistintamente da religione, sesso, credo politico e orientamento individuale, dovranno farsi forza e, come è successo ai nostri nonni, partendo dalle macerie delle convinzioni più profonde, da ciò che rimarrà dei nostri animi annoiati e afflitti, dovranno riconquistare il valore più grande: la libertà. E con libertà non intendo solo il poter fare ciò che si vuole, la libertà è anche decidere di rispettare liberamente i doveri che una società dichiaratamente democratica ci impone. Libertà è sapere dove iniziano e dove finiscono i nostri diritti. Libertà è spingere il nostro ingegno più in là di quanto avessimo mai pensato per ricostruire il mondo che ci è stato donato e di cui non abbiamo mai capito veramente i valori.

Per questo motivo da classicista, innamorata delle parole e dei pensieri, non posso far a meno di farmi tornare alla memoria una delle citazioni dantesche che mi ha sempre più affascinato.

“Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza”.

Il Ventiseiesimo Canto dell’Inferno è dedicato a coloro che, peccando di ὕβϱις -hýbris-, utilizzarono l’ingegno per raggiungere i loro obiettivi. L’ingegno non è un dono di Dio, esso è la più grande dote del genere umano. L’Inferno terreno che oggi ci troviamo a vivere, sarà salvato soltanto da coloro che faranno della loro più grande dote, un mezzo al servizio della rinascita, andando oltre i propri confini interiori, oltrepassando i limiti che da sempre ci siamo imposti.

La nostra memoria sarà anche questa.




Lisa Finetti
(Studente del MICRI-IULM)
__________________________________________________

Caro Oscar,
ci appare l’Essere e ci spaventiamo.
Un abbraccio,
Marco
_____
Ti risulta che ci siano istituzioni democratiche ?
Dove ?
Sono curioso .
Vincenzo 
NMREC 
_____________________________________________


Grazie mille caro Oscar. 

Sono considerazioni molto lucide che danno spunti per il presente e fiducia per il futuro; mi sono permesso di condividerlo con amicizie intime . 

Spero voi stiate tutti bene.

Dammi notizie.

Un caro saluto ,

Alfonso

La prima notizia.....


Alberto Pasolini Zanelli

La prima notizia che la maggior parte degli americani va a cercare nella tv o sui giornali ogni mattina è un pacchetto di dati. Che di questi giorni sono tutti allarmanti: si avvicina a 5mila la somma dei morti da pandemia. L’ultima giunta è di un migliaio, il totale delle infezioni è fra le 200 e le 300mila unità. La gente è evidentemente impaurita, sulla strada della protesta. Si è aggiunto al malumore di massa il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence. Che ha scelto il Belpaese come spauracchio particolarmente credibile: “La nostra situazione – ha ammonito – è comparabile a quella dell’Italia, dove il virus ha spinto gli ospedali al limite della capacità in piena marcia di agonia sempre più grave ogni giorno”. A conferma della previsione, gli allarmi secondo cui gli ospedali stanno per rimanere senza mascherine e senza ventilatori e le riserve sono ormai esaurite.

È la voce più allarmante che venga da Washington, anche se Pence non è Trump ed è una figura di ricambio, per di più abitualmente taciturno. Ma Wall Street continua a dargli ragione due giorni su tre. Si moltiplicano, oltre agli allarmi, le memorie di altre precedenti recessioni. Gli Usa ne hanno sofferte dieci dal 1945 ad oggi, prolungate ciascuna dieci mesi. Allora come oggi, ma anzi oggi di più, si accumulano le critiche allarmate alla resistenza del governo, anche se non sempre al presidente. C’è anzi qualcuno che lo difende anche oggi e soprattutto nel mondo economico. Alle critiche si sono aggiunte nelle ultime ore minacce personali all’uomo ritenuto responsabile dei più gravi errori. Un medico, anzi Anthony Fauci, direttore dell’Istituto nazionale di difesa contro le allergie e malattie infettive. Egli è molto ammirato all’estero e soprattutto in patria, particolarmente perché ha in diverse occasioni espresso opinioni opposte a quelle di Trump. Quando qualcuno propose un antivirus che avrebbe dovuto distruggere il Covid-19, il presidente lo salutò con entusiasmo, il medico lo scartò immediatamente. E fece dei bis anche meno clamorosi, ma che si accumularono in qualche settore dell’opinione pubblica e negli ultimi giorni sono emerse minacce di violenze personali, che hanno indotto la Casa Bianca a rafforzare le misure di sicurezza personale per Fauci.

Un altro argomento di critiche, anche aspre, e’ emerso nelle ultime ore e ha come bersaglio una sezione del mondo religioso. Un frate, Jorge Ortiz-Garay, levato un monito nella chiesa parrocchiale di Santa Brigida a Brooklyn, è morto due giorni dopo stroncato dal Coronavirus. Non è l’unico caso di angosciata partecipazione religiosa. Anche a Dallas, in Texas, un ecclesiastico ha definito questa epidemia come “il segno dell’arrivo dell’Apocalisse”, come preannunciato nel Vangelo di San Luca. La Chiesa evangelica francese, infine, ha organizzato un meeting di preghiera da cui è emersa la richiesta di un cambiamento nella lotta alla minaccia pandemica, anche di fronte alla misura ridotta di cui hanno sofferto alcune regioni della Francia, soprattutto nell’area più vicina al Mediterraneo. Un segno in più di nervosismo, di “fusione” fra due Grandi Paure, quella spirituale e quella economica.

L’unico gesto positivo o almeno incoraggiante è venuto da Mosca. Putin ha ordinato di ripetere come segno di conforto e di amicizia il dono inviato la settimana scorsa all’Italia. Questa volta destinatari sono gli Stati Uniti e il carico è un po’ diverso da quello approdato a Roma e accompagnato dalla dedica “Dalla Russia con amore”. In America è atterrato il cargo più grande del mondo, un Antonov-124 interamente carico di materiale medico, presentato come una parte di un progetto russo di aiuti a tutti i Paesi “in lotta contro il Covid-19”. Naturalmente non si tratta solo di un aiuto sanitario, ma anche (o almeno a Washington lo hanno interpretato così) di un segnale che qualcuno in America ha già inteso come una “esibizione di forza” o addirittura suggerimento che “almeno in qualcosa la Russia adesso può essere superiore agli Stati Uniti”. Secondo un funzionario di Washington “è molto probabile. Se la Russia non fosse superiore almeno in qualcosa, perché manderebbe contributi e perché gli Stati Uniti li accettano?”