Translate

Mission Accomplished !


Il mondo della politica e' fatto di poche persone serie che lasciano un segno positivo nei paesi che hanno amministrato (De Gasperi, Schumann, Roosevelt, Ghandi...). Poi ci sono quelli che cercano scorciatoie e se ce la fanno distruggono le democrazie instaurando regimi totalitari. E per farsi perdonare le malefatte che consentono loro di restare al potere tengono buone le masse con ampi programmi sociali (basta pensare all'Agro Pontino di Mussolini). Poi ci sono i buffoni che quando raggiungono il potere sono pericolosi quanto i fondamentalisti perche' sono stupidi, hanno solo un alto rispetto di se stessi e dei laudatores che li circondano e convinti come sono di essere 'unici' mettono a repentaglio la vita di milioni di persone e causano enormi guai economici.
Il ritiro degli ultimi 500 soldati americani dall'Iraq ci ha riportato alla mente le foto di George W. Bush sulla portaerei USS Abraham Lincoln e la strombazzata sceneggiata fatta inneggiando al "Mission accomplished!". Era il 1 maggio 2003 e per concludere questa guerra (durata quasi nove anni, costata agli americani trilioni di dollari che hanno pesato sulla crisi dell'economia) c'e voluto un presidente nero (o 'abbronzato' secondo la cortese definizione di un noto tesserato della P2) che aveva promesso in campagna elettorale che avrebbe posto un termine a questa disgraziata occupazione. Fatta solo per consentire alle corporation petrolifere di rimettere piede sui pozzi iracheni.