Translate

Dopo l'ultimo eccidio in presa diretta

 

Secondo il sito del noto commentatore Mark Shield i morti americani ammazzati nelle varie guerre sono circa un milione e duecento mila. Mentre le morti causate da arma da fuoco sono un milione e quattrocentomila. Il presidente Obama non ha alcun potere per invertire la pericolosa cultura dell'arma in tasca ad ogni americano. I morti continueranno a cadenzare la nostra vita. Ormai non ci facciamo piu' caso perche' fanno parte del nostro modo di essere. Triste ma vero. Troppi gli interessi in gioco a cominciare da quelli delle industrie delle armi organizzate dalla NRA (National Rifle Association). God bless America.

“The Secret of Joy” World Premiere at Hollywood

Monsters and Critics

Short Film Benefits Pediatric Cancer Charity


26th August 2015 by


IMG_8122
The Secret of Joy” will have its world premiere Friday, August 28th 12PM at the Laemmle 7 Cinema in North Hollywood. The premiere will be followed by six more screenings until September 3rd in the same theater. The entire box office will be donated to the Kids’ Cancer Research Foundation.
Created by director/producer Max Bartoli and his wife, producer Fabiola Lopez Bartoli, this project was conceived as a medium to raise the awareness and funds about the topic of pediatric cancer and received a very warm support from members of the industry in Hollywood and in Europe, as over 150 people and 18 companies answered the Bartolis’ call and gathered in Los Angeles last December to shoot this short film.
10428542_10154916163785594_4671121711793469487_n
“The Secret of Joy” stars the talented newcomer Ava Ames (11 years old) who is joined by four time Emmy Award winner Doris Roberts, (Everybody Loves Raymond, Remington Steele, Christmas Vacation), Maria Conchita Alonso (The Running Man, Saints&Sinners,The House of the Spirits), Thaao Penghlis (Mission Impossible, Days of Our Lives, General Hospital), Sofia Milos (CSI Miami), Massi Furlan (The Dark Knight Rises, Soul Surfer, Liz & Dick) and the rest of a 35-people cast.
IMG_8240
The screening of Aug. 29th will be followed by a Q & A with co-writers/directors/producers Max Bartoli, Fabiola Lopez Bartoli and executive producer Tori London.
“Cancer has unfortunately already touched my family too many times,” said director Max Bartoli. In the last year two friends of his family lost their 4 and 5 year old children to neuroblastoma only a few months apart. He said, “The memory of their pain is still vivid and the thought of what other parents might experience motivated my wife and I to do something to raise awareness and funds to support the battle against this terrible disease. This was when the idea came to us.”
IMG_8084
The short tells the story of a beautiful dream in King Arthur’s kingdom, a land populated by valiant knights, beautiful ladies, little elves and monsters to be defeated. A world of fantasy and beauty only a child can imagine; a tale that enchants the viewers until life brings them abruptly back to reality. Joy, our little 11 year old princess, is fighting the monster of cancer!
“The Secret of Joy is a simple story,” said producer Fabiola Lopez Bartoli. But bringing it to life on the big screen was a huge challenge. “It took us 363 days of hard work from the day we conceived it to when we locked the film, the budget of an indie feature, 54 costumes, 100 pieces of jewelry, 35 pairs of medieval shoes, 4 days of filming in front of a green screen, 2 cameras, over 20,000 frames of full CGI and the professional commitment of over 150 people to produce something we could be proud of.”
The Bartolis spent four months heavily pre-producing the short with the heads of all departments: carries out tens of storyboards, conceptual drawings, directorial schematics to pre-visualize the project as much as possible. During the same period they were able to convince US and European companies to sponsor their project and the cause it was meant for by donating their services and products. Technicolor, Red Cinema, and Tirelli Costumi were the first to step on board.
The Bartolis told Monsters and Critics about their benefactors in Hollywood who helped them make this a reality.
“We just called everybody we knew,” said Max Bartoli, knowing that the worse case scenario would have been a “No”. “We did not have anything to lose… a part from all our savings. But people started to say ‘Yes’ enthusiastically.”
Principal photography took place at the beginning of December in Los Angeles, Long Beach, Malibù and Bel Air and lasted seven days.
POSTER---the-secret-of-joy2
To finish the project and produce all the special visual effects the Bartolis needed more help and funds. “Over 95% of film required some CGI components. Even sequences we shot in location,” said Fabiola Lopez Bartoli. “We did not want to settle for a mediocre, or rushed out result, so we wrote to all the largest and best special visual effects companies in the US. We just needed one ‘Yes’ and we got it. Hammerhead Productions said they were interested. We met them in their Sherman Oaks head quarters. A week later we had a deal. They are all amazing people!”
With an agreement in place to produce the VFX the Bartolis then approached long time friend actor/executive producer Tori London. Tori had been already involved in the project with role in Camelot. She was one of the first people to come on board and knew the project inside out.
“This project can be considered an act of love from all those involved. We all wanted to see it finished especially considering it would be donated to a great cause,” said executive producer Tori London. “When Max and Fabiola reached out to me looking for help I knew I could not say no. Moreover the quality level expressed by each department was so impressive that it would have been difficult to let it die there. I had to come on board.”
Thanks to Co-Producer Mike Rizzuto, Technicolor took care of the Digital Intermediate and all Post-Sound (editing, design, foley and mixing) bringing the short to a different level.
“Working with people such as Casey Genton, Zane Bruce, Nicholas Hasson and Academy Award winner Craig Mann was a blessing for us. Putting together a movie is always the result of a collaboration and when you are blessed to work with incredibly talented people, the results will amaze you,” said Max Bartoli.
Now that the film is locked, “The Secret of Joy” is going to be put in front of the audiences for the ‘final judgement’.
“We have always known we could make the difference, touching one person’s heart at the time,” said Fabiola Lopez Bartoli. “Hopefully now, thanks to our fantastic cast and all who’ve generously contributed, we could touch thousands.”

La "tempesta cinese"


Guido Colomba 
 
La "tempesta cinese" turba il sonno dei risparmiatori. Al tempo stesso, aumentano le incognite legate all'effetto domino nell'economia globale. I fatti dimostrano che non sono sufficienti i tassi-zero e la immissione di liquidità da parte delle banche centrali. Anzi, vi è la conferma che la crescita interna sia legata alla ripresa dei consumi e degli investimenti. Qui giocano due fattori. I tassi zero hanno letteralmente tolto alla "middle class" quella rendita finanziaria sui propri risparmi che alimentava consumi e investimenti. Ad essa si è aggiunta la voracità fiscale (più il costo delle utenze) degli enti locali e quella dello Stato centrale che hanno reso spesso insostenibile la proprietà delle case (la messa in vendita delle seconde case è un sintomo eloquente). Con il risultato che l'intera filiera dell'edilizia è sprofondata in una crisi senza fine che impedisce la ripresa del Pil. Non senza ragioni, il governo Renzi appare deciso a mettervi mano eliminando Imu e Tasi. Giova ricordare che ai tempi di Guido Carli, governatore della Banca d'Italia, uno degli appuntamenti più importanti (oltre alle Relazione annuale) era la celebrazione della giornata mondiale del risparmio, vera molla della crescita italiana. Fra l'altro, molti dimenticano che il risparmio "ha già pagato le tasse"e, non a caso, è protetto dalla Costituzione. Si da il caso che la ricchezza privata degli italiani ammonti a quasi quattro volte il debito pubblico, il chè fa dell'Italia uno dei paesi più sani del mondo nonostante gli sprechi e la corruzione dilaganti. E' questa la cornice che rende indispensabile la riforma Madia della Pubblica amministrazione il cui principio di surroga consente al governo di non essere alla mercè dei superburocrati ( i dirigenti dei Ministeri e quelli delle regioni) come più volte abbiamo denunciato segnalando il ritardo cronico dei decreti attuativi. Senza questi decreti troppe leggi sono rimaste pezzi di carta inutili con buona pace per la paralisi amministrativa (priva di controlli) del Paese. In merito, va lodato il ministro Boschi che in diciotto mesi è riuscita a ridurre di oltre 600 unità il numero dei decreti ereditati dai precedenti governi. Che cosa significa il potere di surroga? In caso di ritardo dei ministeri, il pallino attuativo passa al premier. Un tema che si estende alla "spending review". Infatti, con la riforma, si potranno commissariare le numerose società pubbliche "partecipate" degli enti locali che continuano a registrare perdite ed a regalare soldi dei cittadini ai politici "trombati". A questo intervento si accompagna il riordino della dirigenza pubblica esteso a quella di regioni ed enti locali. Anche per la riforma della P.A. resta l'attesa dei relativi decreti attuativi. E' questa la battaglia più importante dall'unità d'Italia ad oggi.

Uber: vorrei un Hamburger



Uber adds lunch to its list of services in D.C. (from The Washington Post)
Feeling hungry...but lazy? Tied up at your desk with no time for a decent lunch? Put the change for the vending machine away and pull out your smartphone instead. As of now, you can call up your meal with a tap of your Uber app.
UberEats, Uber's on-demand food delivery service, launched in Washington on Tuesday. Lunchtime, according to Uber, is between 11 a.m. and 2 p.m. on weekdays; the D.C. delivery area stretches from Dupont Circle and Downtown to Capitol Hill. The food should arrive in 10 minutes or less, according to the UberEats Web site.
You can't be that choosy with UberEats, although there's enough there to satisfy most palettes. UberEats customers must choose from a set menu that Uber has worked out with a number of excellent restaurants. Tuesday's menu offered up three options: an Italian hoagie from Bub and Pop's, a Beatrix roll from Buredo or a plate of chicken tikka masala from Rasika.
If those options don't tickle your fancy, don't worry. Just try again later. This week, Uber is also offering options from Bread Furst, Taylor Gourmet, DGS Delicatessen, Sprinkles Cupcakes and more. You can sign up for daily or weekly e-mails from Uber to keep track of when a dish you may want slides into the rotation.
Dishes should generally cost between $8 and $12, according to Uber's Web site, though some cost as much as $15.
Sure, getting lunch from Uber means you don't get the same variety as you might from any of the other numerous food-delivery services. After all, you don't even get to see a menu. But that may be worth it to many people, if it means they can get a good meal for very little effort.
UberEats also offers service in Los Angeles, San Francisco, New York, Austin, Barcelona, Toronto and Chicago. The company has said that it's seeing high demand for the service, though a report from the Wall Street Journal in June outlined some problems. That includes the fact that drivers often waste time looking for their customers — sometimes parked illegally at the curb. At least in some cases, the report said, drivers have to throw food away at the end of the day.
UberEats does offer some ordering features that would be nice to see elsewhere. Customers can even order multiple meals and split the bill using Uber's fare-splitting feature in the app.

Tianjin l’“italiana”



 https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/3/39/Tianjin_montage.jpg

Alberto Pasolini Zanelli
Il mondo ha sempre più fretta, il passato ci appare sempre più lontano. La storia è sconsigliata ai giovani, inuitile per gli anziani, lontano anche per coloro che avrebbero il dovere di capirlo ma credono di non averne il tempo. L’Esperienza è soprattutto un elenco delle cose da non fare, di errori da non ripetere. Tutto questo a casa dei Grandi, figurarsi per l’Italia, sempre presente negli affari internazionali ma soprattutto come elemento decorativo: è stata la voce autorevolmente musicale di Federica Mogherini  ad annunciare la conclusione di un vertice fra Iran e Stati Uniti in cui lei era seduta fra i Grandi però non rappresentava l’Italia ma l’Unione Europea. Teheran è abbastanza distante da Roma, ci auguriamo che sia a distanza di sicurezza.
A differenza di quello che potrebbe star diventando il focolaio di una nuova crisi internazionale: la Libia, che è evidentemente troppo vicina. Ci manda, o almeno ce ne arrivano, flotte di profughi. Il Mare Nostrum è l’area di una iniziativa umanitaria molto dissimile da quello che intendevano al tempo in un cui si cantava, anche nei caffè concerto, di “Tripoli bel suol d’amore” verso cui “naviga una corazzata” per farla diventare ”italiana al rombo del cannon”. Ora ci mandiamo, al massimo, delle navi ospedale.  Almeno fino a ieri, perché oggi, di fronte al prolungarsi e all’aggravarsi di una crisi umanitaria che è già diventata politica e militare, al pericolo che la Libia cada interamente nella mani di un Califfo targato Isis, si levano sempre più autorevoli le voci che invocano un intervento europeo integrato, a lunga scadenza se occorre, con una “mano militare” e una politica. Nonché un “volto” giuridico e storico che molti ritengono dovrebbe essere dell’Italia. In ricordo di “Tripoli bel suol d’amore” o nonostante quel precedente.
Se questa “lettura” prevalesse, se ci offrissero questo ruolo, il precedente corretto non sarebbe però con la Libia, ad onta della canzone e della geografia ma un altro, più remoto nel tempo e soprattutto nello spazio. Non basterebbe risalire al 1911 ma al 1900 e spingersi dalla vicina Libia alla Cina e da Tripoli a una città di cui oggi si riparla come teatro di una catastrofe catalogabile come naturale: Tianjin, l’unico pezzo di Cina ad essere stato in qualche modo sotto controllo italiano. E più a lungo della Tripolitania e della Cirenaica: quarantatré anni invece che trentuno.
Pochi ricordano come ci arrivammo e quando. Accadde nel passaggio più buio della storia cinese, seguito e contrasto di una lunga era di grande prestigio e prosperità, guidato da un sistema di dispotismo illuminato, portato ad esempio in Europa da voci come quella di Voltaire e che crollò sotto la spinta di una crisi interna enormemente inasprita dal contemporaneo, traumatizzante contatto con l’Occidente, proprio nel momento in cui quest’ultimo univa una  spinta espansionistica a una superiorità tecnologica schiacciante, che le permise di  dominare il pianeta, appropriandosi di quasi tutte le risorse materiali e “ricambiando” in molti casi con la “esportazione” di idee e istituzioni più progredite.
La Cina fu la macroscopica eccezione: le potenze europee vi esercitarono il più nudo imperialismo commerciale e finanziario. Vi si presentarono con la Guerra dell’Oppio, nel 1839. Una potenza europea, la Gran Bretagna, per la prima volta aggredì direttamente la Cina con una azione militare, dando inizio ad un processo che doveva portarla alla disgregazione della società e dello Stato. La Russia le strappò, con i “trattati ineguali”, un milione e mezzo di chilometri quadrati in Asia centrale e in Siberia; la Gran Bretagna, la Francia e, più tardi, il Giappone vollero, e con la forza ottennero, il completo soggiogamento economico Cina. Da quella umiliazione scaturirono ribellioni antidinastiche e antioccidentali. I cinesi stavano forgiando un esempio per i terroristi settari del medio Oriente di oggi. La rivolta dei Taiping esplose nel 1850 e durò fino al 1864; quella dei Boxers è datata 1898 e scosse il mondo con l’assassinio dell’ambasciatore tedesco.
In risposta i “controllori” mobilitarono soldati, marinai e marines di cinque Paesi: Gran Bretagna, Stati Uniti, Giappone, Francia, Russia e Germania. La campgna durò 55 giorni, una battaglia decisiva si svolse a Tianjing. Il contingente italiano non vi partecipò, ma poco dopo arrivarono i bersaglieri, in tempo per la conquista di Pechino la parata della vittoria.Vittoria totale, di cui gli occidentali si accaparrarono i frutti. Europei e giapponesi presero in mano le dogane, i commerci, il controllo fiscale. poi le ferrovie, i porti, le miniere e perfino la tassa sul sale. L’Italia ottenne un fetta rispettabile della torta: la “concessione” di Tianjin, che allora si chiamava Tientsin. Aveva un milione di abitanti, più una comunità straniera: soprattutto mercanti e missionari, ma anche personaggi destinati a diventare famosi, da cominciare da Herbert Hoover, futuro presidente degli Stati Uniti, a Galeazzo Ciano, “governatore” di Tianjin prima di diventare ministro degli Esteri e genero di Mussolini. Pare sia stata sua l’idea di costruire a Tjianjin uno sferisterio.
L’Europa aveva già cominciato a suicidarsi nelle guerre mondiali. Al temine della prima, estromessa la Germania, gli inglesi in Cina avevano in pugno il quaranta per cento del commercio estero cinese, della navigazione e un quarto delle ferrovie. La Francia e i Paesi minori si spartivano i resti. Il Giappone invase la Cina nel 1937 con l’ambizione di prendersela tutta, trasformandola in una sorta di gigantesca Corea. La seconda guerra mondiale rafforzò ulteriormente il ruolo giapponese e indebolì quello britannico. Il Giappone divenna sola potenza dominante e permise una qualche presenza solo al governo francese di Vichy e, dopo la resa dell’Italia agli angloamericani, a quello che i piu’ chiamano “di Salo’” La sola presenza militare fu quella nipponica, fino ai giorni di Hiroshima. Dei padroni stranieri era rinasta solo l’America, ma la Cina invece se la prese Mao.
Compresa, naturalmente Tianjin l’“italiana”. Una delle prime cose che i comunisti cambiarono fu lo sferisterio, che da “posto per il gioco d’azzardo” diventò Casa della Cultura. Ce lo raccontò il vicesindaco, durante il pranzo offerto poco dopo a una delegazione  e che fu piuttosto caloroso.
Fino al momento in cui uno degli invitati chiese che ci facessero visitare quello che chiamò “il quartiere italiano”. La risposta fu negativa e acidula. Tornarono fuori Ciano e la “bisca”. Comprensibilmente: Mao era morto da poco e non il lessico ufficiale era stato riciclato. A Enzo Biagi, leader della nostra delegazione, scappò di bocca un “Che coglione!” riferito al collega. Me lo disse nell’orecchio ma lo sentì anche l’interprete che scambiò l’epiteto per un  cognome e così lo interpellò in una successiva occasione. Andò meglio a Romano Prodi, che visitò Tianjing molti anni dopo. Era presidente del Consiglio e fu ricevuto dal sindaco e non da un suo vice. E  cortesemente lo invitarono a visitare le tracce della nostra presenza. Nella città che fu ”italiana” prima e più a lungo di Tripoli.